domenica 20 settembre 2015

Formula Satira - 2015 Episodio 13 - Gp Singapore

Come tutti gli anni, il Gran Premio di Singapore regala sorprese niente male. Molti sostengono che questo circuito sia noioso, ma alla fine dei conti c'è sempre qualche evento che rende questa gara cittadina assolutamente imperdibile.

In questa edizione c'è stato il GP rovesciato. Le Mercedes, solitamente dei siluri, arrancavano come camion a rimorchio su una parete di arrampicata. Le Ferrari e le Red Bull, usualmente lontane dalle frecce d'argento, volavano e strapazzavano tutti i motorizzati Mercedes. Addirittura le Mclaren lottavano per un piazzamento a punti! Senza dimenticare l'invasione di pista da parte di uno squinternato che ora starà probabilmente lottando tra la vita e la morte in un carcere di massima sicurezza di Singapore, costretto a rivedersi in repeat tutti gli interventi di Ettore Giovannelli dalle linee di partenza.

Giorno molto negativo per chi è stato haters di Vettel e contemporaneamente è anche tifoso Ferrari. Questi personaggi si sveglieranno domani mattina con un fastidiosissimo tic nel cervello e un doloretto al deretano, visto che il pilota che fino a ieri non sopportavano oggi è un idolo.



Si è trascinata anche a Singapore la polemica sulle pressioni delle gomme e sugli angoli di camber, costata un quarto d'ora di sudore alla Mercedes in quel di Monza. Alcuni osservatori ipotizzano che il weekend nero vissuto qui dai tedeschi sia da imputare a una maggiore fedeltà su questi parametri consigliati da Pirelli e da questo GP più controllati dalla FIA. Ovviamente nulla di vero in tutto questo, ma per il bene dello Sport è giusto ogni tanto aggiungere un pizzico di comico complottismo...


L'angolo della stronzaggine è stato occupato nella giornata di domenica da quella iena di Stella Bruno, prontissima a rinfacciare ad Alonso la sua pessima situazione attuale comparata a quella discreta che si vive in casa Ferrari. Davanti alle telecamere Fernando non ha mosso nemmeno il sopracciglio, ma nell'oscurità del retropaddock deve aver riflettuto amaramente...


Era da anni che non si vedeva un invasore di pista in F1. In diretta era evidente lo stato alcolico del losco figuro, intento a passeggiare fischiettando accanto a una selva di bolidi urlanti... Questo blog si assume la responsabilità nell'individuare l'identità del tizio: si tratta del simpatico Lewis Hamilton. Il biondo, tre giri dopo il suo ritiro, voleva sbollire la sua rabbia e soddisfare la sua sete di notorietà mostrando in mondovisione la sua attitudine modaiola...


Grande debutto anche per lo spilungone Alexander Rossi. Il californiano ha subito battuto Will Stevens in un duello tutto targato Manor. Tante inquadrature e un destino segnato: Haas ha già detto che non lo vuole tra i piedi...


Il grande dubbio, però, rimane: cosa è successo alle Mercedes? Sembra quasi che Toto Wolff e compagnia abbiano solamente preso un weekend di vacanza...



3 commenti:

  1. Cosa, cosa, cosa??? o.O Hai osato insinuare che il gran premio di Singapore non sia il più noioso di tutta la stagione, come sostengono tutti gli appassionati?
    ...
    ...
    ...va beh, Vettel ha vinto quindi ti perdoneranno per questo affronto. u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh gli appassionati si possono anche malmenare tra loro, ma il gran premio di Singapore non me lo devono toccare...

      Elimina
  2. Ciao Samuele. Potresti contattarmi in privato, per favore? Questo è il mio indirizzo email: fuoridaglischemi11@gmail.com. Grazie.

    RispondiElimina