lunedì 20 aprile 2015

Formula Satira - 2015 Episodio 4 - GP Bahrain

Forse, con un giro in più, il GP del Bahrain sarebbe finito in un'altra maniera. Lewis Hamilton ha portato a casa il primo gradino del podio braccato a poca distanza dal redivivo Kimi Raikkonen, che avevo annunciato su queste colonne (qui) come potenziale piazzato dopo il 4° posto in Cina. Kimi ha corso una gara sul filo del consumo gomme, e ha tratto vantaggio da una strategia finalmente creativa da parte della Ferrari. Chiamatelo martello, oppure mastino: Kimi conserva comunque il solito aplomb da attore consumato.


Nel frattempo, cominciano a delinearsi le gerarchie nel team Mercedes. Hamilton è saldamente in testa al campionato, con Rosberg attualmente in grado di impensierirlo solamente nelle prove libere (talvolta nemmeno in tali occasioni). Si prospetta una stagione in sordina per Nico...


In casa Renault si piange, e parecchio. Ricciardo rompe il 3° motore in tre gare proprio all'ultimo giro, conquistando comunque un già soddisfacente 6° posto (per la Red Bull attuale). Per Daniel arriveranno presto le prime penalità per aver superato il numero di power unit disponibili...


Infine, domenica da dimenticare per Sebastian Vettel. Tra errori, lunghi e imprecisioni, il tedesco della Ferrari perde il treno buono per il podio. A fine gara Vettel ha ammesso i propri errori, ma oggi l'impressione era che facesse un altro sport...



Tuttavia, la cosa più succosa dell'intero weekend motoristico è assolutamente off topic rispetto alla F1. Trattasi della rissa in pista tra Romano Fenati e Ajo, in Moto3. Durante il warm-up i due si sono fronteggiati a parole, con una bastardata finale di Fenati tutta da gustare....

Nessun commento:

Posta un commento