lunedì 22 settembre 2014

Formula Satira - Episodio 14 - Gara GP Singapore 2014

Colpo di scena a Singapore! Hamilton approfitta del ritiro di Nico Rosberg per andare in testa al mondiale - con un vantaggio comunque risicatissimo - grazie ad una gara fantastica. Nonostante una strategia tutt'altro che buona, la Mercedes ha salvato la faccia (Lewis non ha gradito il fatto di aver montato le gomme più dure solo all'ultimo stint di gara)...

...Mentre Rosberg ha avuto in una sola gara tutti i guai potenziali di un campionato intero. Già al giro di ricognizione Nico non era riuscito a muoversi dalla sua piazzola. Dopo un cambio di volante, la macchina non andava comunque bene: il motore sembrava tagliato di giri e la frizione era instabile, con salti di marcia molto poco rassicuranti. Dopo aver tentato di rianimare la vettura con altri volanti e altri settaggi, il team ha deciso di gettare la spugna. Il volante di F1 è una sorta di centralina, se va a puttane quello non funziona più niente (capito, Stella Bruno?).

In Mercedes, comunque, ci sono un mucchio di bravi tecnici che risolvono subito i problemi, e anche in questo caso Rosberg è stato rassicurato: dalla prossima gara funzionerà tutto a meraviglia.



Dietro Hamilton, il duo Red Bull conclude a podio, con Vettel davanti a Ricciardo (alzi la mano chi, nel 2013, avrebbe letto questa frase come una notizia bomba... come pensavo: nessuno!). Alonso non rischia nulla e il suo mazzo di carte finisce nel solito mucchio anonimo: 4° posto e niente champagne. Sotto accusa la strategia: per un team senza nulla da perdere come Ferrari non sarebbe stato meglio mettere le super soft alla fine? Fernando pensa che la safety car sia arrivata in un momento sfortunato...



Massa, 5°, precede un pazzesco Vergne, che nonostante due penalità riesce a rimontare con un filotto impressionante di sorpassi negli ultimi giri. Che peccato sapere che l'anno prossimo Jean-Eric difficilmente troverà posto in questa F1!



Anche quest'anno la Safety Car è stata protagonista. Al momento della ripartenza, dal monitor GPS sembrava quasi che andasse più forte delle Caterham e Marussia appena sdoppiatesi. Voi direte, cosa ci vuole?



Ultima nota riguardante l'anima iper-tecnologica della F1. Soluzioni all'avanguardia, sistemi d'illuminazione da capogiro, feste organizzate nei minimi dettagli, motori ibridi, avanzatissimi reparti di ricerca e sviluppo... ma appena c'è un incidente con detriti sparsi per la pista, tutto scompare. Arrivano invece le ramazze e le classiche e intramontabili mani nude...




Nessun commento:

Posta un commento